• Via Roma 2/42 - 16121 Genova
  • cuori.informa@gmail.com
In Parlano di noi

Partecipazione al Nordik walking di Lione

A due mesi dalla tragedia anche i cardioatleti ricordano correndo il crollo del ponte Morandi

A due mesi esatti dalla tragedia, Genova ricorda correndo le 43 vittime del crollo del ponte Morandi. Mentre sotto la Lanterna migliaia di persone partecipavano alla Stragenova, la maglietta con il viadotto spezzato faceva la sua comparsa, fortemente simbolica, anche a Lione, in Francia dove è stata indossata dai 32 cardioatleti della Asl 3 che hanno partecipato al raduno europeo di nordic walking, una mezza maratona dentro alla città patrimonio dell’Unesco.

Hanno indossato la maglietta con il logo della rinascita, quei due tronconi del ponte spezzato uniti da un grande cuore. Lo slogan coniato all’indomani della tragedia del ponte Morandi, per ricordare il crollo e soprattutto la forza di una città che non si è arresa, quanto a grinta non poteva trovare migliori testimonial dei pazienti della riabilitazione cardiologica della Asl 3.

I cardioatleti che hanno partecipato alla gara indossando le magliette di Genova nel cuore sono 33, insieme al direttore della riabilitazione cardiologica della Asl 3, Piero Clavario, la responsabile del centro ambulatoriale di Fiumara, Barbara Cristina, e Michele Brunacci, anche lui cardiologo del servizio di riabilitazione. Con loro infermieri e fisioterapista.

” Abbiamo deciso di partecipare all’evento indossando le magliette di “Genova nel cuore” per ricordare a tutti la tragedia del 14 agosto scorso ma soprattutto per dire che la città non si arrende e come noi si rimbocca le maniche e continua la sua marcia”.